BULLO 2.0

Report Big Data

Scarica il report dei dati che abbiamo raccolto intervistando studenti di tutta Italia

Il Progetto

Il progetto Bullo 2.0 nasce dall’idea dell’Avv. Giuliano De Luca e dalla collaborazione con l’Associazione Studentesca Future Is Now (FINAS) e si pone come obiettivo quello di realizzare eventi informativi-formativi in materia di cyberbullismo, rivolti agli studenti. L’innovatività del progetto è insita nella sua metodologia che mira innanzitutto all’ascolto degli studenti, che sono coinvolti a collaborare in maniera diretta ed immediata mediante l’utilizzo dei propri smartphones. Un set di domande viene somministrato ai ragazzi che rispondono “live” direttamente dai loro smartphones in maniera anonima, i risultati aggregati delle risposte sono poi discussi insieme.

Il Pitch consiste in un format che suddivide ogni singolo evento formativo in due parti:

Il Pitch

Fase Interattiva

Agli studenti vengono proposte delle domande relative all’uso delle nuove tecnologie e del cyberbullismo, che appaiono direttamente sui loro smartphones, ed alle quali ciascun studente risponde in maniera autonoma ed anonima. Questa fase li rende protagonisti e fa emergere il loro effettivo livello di conoscenza nell’ambito dei social e dei relativi aspetti (rischi) legali.

Fase di Dibattito

Sulla scorta delle risposte fornite, si apre un dibattito con gli studenti, in cui si illustrano le opportunità, le regole e i rischi relativi all’utilizzo delle nuove tecnologie. Anche in questa fase gli studenti restano parte attiva dell’evento e interagiscono alle sollecitazioni del relatore

 

Interagire tramite lo Smartphone

Far interagire gli studenti attivamente durante la presentazione del progetto ci ha permesso di raccogliere informazioni altamente rilevanti per la Pubblica Amministrazione in tema di bullismo, cyberbullismo, conoscenza delle normative vigenti, consapevolezza dei rischi legati all’utilizzo della tecnologia

  • Guarda il video

L'obiettivo

In merito alle dotazioni tecnologiche, occorre soltanto che gli studenti abbiano uno smartphone (o l’accesso ad un pc collegato in rete) e una connessione dati per partecipare al questionario (a riguardo è possibile utilizzare, ove presente, la connessione wi-fi dei singoli istituti scolastici). Mentre dal punto di vista tecnico sono sufficienti un proiettore ed un impianto audio.

Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che i dati raccolti nei vari istituti sono rielaborati ed utilizzati come base statistica e riutilizzati in un secondo momento.

 

L’Obiettivo è appunto fornire agli studenti tutte le informazioni necessarie a conoscere e contrastare il fenomeno del bullismo/cyberbullismo, mediante una metodologia “upside down”

I Nostri Partner

Safer Internet Day 2019

Progetto realizzato con il contributo
della Commissione Europea

FAQ

Tutte le risposte alle domane più frequenti sul progetto

Nasce dall’esigenza di misurare il livello di consapevolezza degli studenti di oggi in materia di bullismo, cyberbullismo, conoscenza delle normative vigenti, rischi legati all’utilizzo delle nuove tecnologie

Oltre 5000 studenti provenienti da più parti d’Italia

Il progetto è stato presentato attualmente a 7 scuole in Italia

Per ulteriori info contattare:

E-mail: segreteria@associazionefutureisnow.it